Descrizione immagine

I Disturbi di personalità secondo il DSM-IV-TR[1]


Per quanto riguarda la descrizione fornita dal DSM-IV-TR circa i Disturbi di personalità si ha, invece, la seguente descrizione:

un modello abituale di esperienza interiore e di comportamento che devia marcatamente rispetto alle aspettative della cultura dell’individuo. Questo modello si manifesta in due (o più) delle seguenti aree:

 

1) cognitività (cioè modi di percepire e interpretare se stessi, gli altri e gli avvenimenti);

2) affettività (cioè la varietà, intensità, labilità e adeguatezza della risposta emotiva);

3) funzionamento interpersonale;

4) controllo degli impulsi.

Il modello abituale risulta inflessibile e pervasivo in una varietà di situazioni personali e sociali; determina un disagio clinicamente significativo e compromissione del funzionamento sociale, lavorativo e di altre importanti areestabile e di lunga durata e l’esordio può essere fatto risalire almeno all’adolescenza o alla prima età adulta.

Il modello abituale non risulta collegato agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (per es. una droga di abuso, un farmaco) o di una condizione medica generale (per es. un trauma cranico).

 

I disturbi di personalità, quindi, riguardano gli individui i cui tratti di personalità sono DISADATTIVI in modo PERVASIVO, INFLESSIBILE e permanente, e causano una condizione di disagio clinicamente significativa. In genere i sintomi dei disturbi di personalità sono EGOSINTONICI (accettabili per la persona) e ALLOPLASTICI (la persona tende a cambiare l'ambiente, non sé stesso).

I Disturbi di Personalità DSM IV sono raggruppati in tre cluster:

Cluster A: Ritiro emozionale e stranezza comportamentale;

Cluster B: Instabilità, drammaticità, esagerata manifestazione  delle emozioni;

Cluster C: Ansia, sottomissione, evitamento.

  

Il Cluster A

 

Disturbo Paranoide di Personalità

Pervasiva diffidenza e sospettosità. Porta sempre rancore e non perdona insulti, offese o affronti.

Disturbo Schizoide di Personalità

Una modalità pervasiva di distacco dalle relazioni sociali e una gamma ristretta di espressività emotiva nel contesto interpersonale.

Disturbo Schizotipico di Personalità

Una modalità pervasiva di deficitarie relazioni interpersonali e sociali caratterizzata da un disagio acuto e da una ridotta capacità nelle relazioni intime sono presenti distorsioni cognitive o percettive ed eccentricità comportamentali. 


Il Cluster B

 

Disturbo Antisociale di Personalità

Una modalità pervasiva di inosservanza e violazione dei diritti altrui comparsa dall’età di 15 anni

Disturbo Borderline di Personalità

Una modalità pervasiva di instabilità delle relazioni interpersonali, dell’immagine di sé, e dell’affettività con impulsività marcata

Disturbo Istrionico di Personalità

Una modalità pervasiva di emotività eccessiva e ricerca di attenzione

Disturbo Narcisistico di Personalità

Una modalità pervasiva di grandiosità (nella fantasia o nel comportamento), di bisogno di ammirazione, di mancanza di empatia 


Il Cluster C

 

Disturbo Dipendente di Personalità

Un pervasivo ed eccessivo bisogno di accudimento che induce  ad un comportamento sottomesso e dipendente e alla paura della separazione

Disturbo Evitante di Personalità

Una modalità pervasiva di inibizione sociale, sentimenti di inadeguatezza e ipersensibilità verso i giudizi negativi

Disturbo Ossessivo-Compulsivo di Personalità

Una modalità pervasiva di preoccupazione per l’ordine, la perfezione e il controllo mentale e interpersonale a spese della flessibilità, della larghezza di vedute e dell’efficienza 

 



[1] DSM – IV-TR: Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Masson, Milano, 2001.